sulle orme di pio XII quando benedisse le armate tedesche

Da quando è stato in visita in Israele ho iniziato ad avere una certa diffidenza per questo Papa.Mi lascia perplessa la sua blanda reazione nei confronti di migliaia di suoi fedeli cristiani  discriminati e barbaramente massacrati.Mi sarei aspettata una grande mobilitazione,da parte di uomo che ha al suo seguito più di un miliardo di fedeli.

Per quanto riguarda gli ebrei,mi sembra tornato indietro di molti anni,rispetto ai suoi predecessori.Ma ora farsi fautore del riconoscimento della Palestina,e consacrare una persona come Abu Mazen,come  l’ angelo della pace,mi sembra davvero troppo.

L’articolo di Ariel Shimona Edith Besozzi,qui sotto riportato, mi trova molto d’accordo.

                                     __________________________________

ASPETTO UNA SUA TELEFONATA DI SCUSE, CARO BERGOGLIO !!!

17 May 2015

Ariel Shimona Edith Besozzi

IMG_2981

Non è semplice scrivere di questo tema, non è semplice perché per me si tratta di parlare delle azioni di un capo di stato ma, essendo io una persona religiosa, ho ben chiaro che per molte persone, alcune delle quali amiche personali, si tratta di una persona che rappresenta qualcosa che ha strettamente a che fare con la loro fede e con la loro relazione con D-o.

Ciò non di meno mi trovo nella posizione in cui raccolgo immagini e vedo riproporsi qualcosa di assai pericoloso per il mio popolo e per l’umanità nel suo complesso. In virtù del fatto che le azioni compiute da questa persona non condizionano soltanto le persone che appartengono allo stato che governa ma condizionano fortemente le persone che si riconoscono nella fede cattolica e che, immagino, fatichino a relazionarsi con le sue azioni come ci si relaziona con le azioni di una persona.

Le immagini e sopratutto le implicazioni che queste immagini portano in se mi tolgono il sonno, mi spaventano e richiamano alla mia mente qualcosa che profondamente mi sconvolge. Poiché tutto quello che sta accadendo si traduce nella riproposizione di scambi e travisamenti storici le cui conseguenze ancora segnano profondamente la carne del mio popolo, l’assenza di una parte di esso.

La prima immagine, vede quest’uomo in visita in Israele porsi nella medesima posizione fisica, in preghiera, davanti alla barriera difensiva come davanti al Kotel. Ed ecco il primo schiaffo, potente e sonoro in pieno viso, ad attribuire ad una costruzione necessaria per arginare gli attentati terroristici che costantemente vengono compiuti verso i cittadini Israeliani, la dimensione di luogo di preghiera e di sofferenza inflitta come lo è il Kotel, unico piccolissimo residuo del Tempio, distrutto con l’intento di cancellare la presenza ebraica dal mondo.

L’immagine successiva è sempre di quest’uomo che dice messa davanti ad un grandissimo affresco in cui è rappresentato un Gesù, bambino avvolto in una keifià, questo più che uno schiaffo ha la forza di una serie di pugni assestati alla bocca dello stomaco, che ti tolgono il respiro, che ti fanno cadere a terra e quando sei a terra lui prosegue con una quantità di calci alle reni, al viso… così rialzarti sarà davvero difficile. Dire messa davanti ad un immagine di quel tipo significa dare legittimità all’ennesimo travisamento della storia giocato sulla pelle di un ebreo, Gesù appunto, che, come in passato è stato usato per legittimare la persecuzione e lo sterminio del suo stesso popolo grazie alla balla del deicidio, così oggi, attraverso quel gesto così preciso ed inequivocabile viene utilizzato per legittimare una nuova spaventosa bugia: Gesù era palestinese e la sua sofferenza è vissuta e conosciuta dal popolo inventato nel 1964 dalla lega araba! Questo con la precisa funzione di legittimare ancora una volta lo sterminio del popolo ebraico.

L’ultima immagine, che sento come una pistola, caricata e puntata alla mia tempia, è l’abbraccio sorridente tra lo stesso uomo protagonista della precedenti immagini e Abbas, un terrorista che sta facendo tutto il possibile per nutrire le persone che neppure lo hanno eletto (ricordo che il suo mandato è scaduto molti anni fa!) con la peggiore propaganda antisemita ed antigiudaica, che, come il suo predecessore (Arafat), ha sempre fatto il possibile per fare finta di negoziare e portare avanti contemporaneamente la crescita della fame e dell’odio nella sua gente così che questa restasse la più feroce e disumana arma puntata contro Israele e contro tutti gli ebrei del mondo.

Abbas che ha scritto e mai negato (se non per finta in inglese per il pubblico pagante!) la propria tesi di laurea che sostiene il negazionismo. Abbas che ha deciso di stringere alleanza con Hamas, organizzazione terroristica, che dichiara apertamente sia per iscritto che oralmente di volere eliminare Israele e tutti gli ebrei che vi risiedono! Questo è l’uomo che dopo l’abbraccio è stato definito “angelo della pace”!!!

Ma io mi chiedo, quest’uomo, protagonista di questi atti, che stanno riportando le lancette della storia del cristianesimo al medioevo, si rende conto di quello che sta facendo? Si rendo conto del fatto che sta legittimando il terrorismo? Si rende conto che sta legittimando la strumentalizzazione di Gesù al fine di legittimare lo sterminio degli ebrei? Lo sa che una delle due suore che verranno beatificate oggi da lui stesso è stata uccisa dai terroristi che lui abbraccia e rafforza? Lo sa che sta rafforzando chi vuole eliminare dalla faccia della terra l’unico luogo, in medio oriente, nel quale i cristiani possono vivere in pace completamente liberi?

Pensa davvero che sarà possibile dire ancora messa nelle chiese di Gerusalemme qualora questa venisse tolta ad Israele?

Pongo queste domande all’uomo perché per me non è null’altro che un uomo, non si tratta di mancanza di rispetto, tutt’altro: essere umani significa essere stati creati ad immagine e somiglianza di D-o e questo essere ad immagine e somiglianza per me significa avere la più grande e splendida responsabilità che sia stata data ad una creatura, quella di scegliere, tra il bene ed il male, tra la vita e la morte.

Pongo infine a quest’uomo domande semplici e dirette perché lui come me, come tutti noi, come le persone che a lui si riferiscono come guida ma anche quelli che non lo riconoscono come tale, tutte le persone che abitano questo pianeta, che credono in D-o o che non ci credono: perché tutte le volte che bisogna scegliere si sceglie sempre la strada più semplice, quella del potente o del violento di turno, perché quando c’è da scegliere coraggiosamente di non farsi complici dei terroristi che stanno distruggendo vite umane come se fossero nulla, perché quando c’è da compiere una scelta autenticamente rivoluzionaria e vera, quella di scegliere la vita, perché scegliere la morte?!?

Ariel Shimona Edith Besozzi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...